Finanziarie prestiti Cattivi Pagatori

Finanziarie prestiti Cattivi Pagatori
Le finanziarie offrono prestiti anche ai cattivi pagatori, quando presentano condizioni di garanzie sufficienti al loro credito, come per la cessione del quinto, del prestito delega e del prestito cambializzato.

Quando si hanno avuti precedenti problemi nella restituzione di un debito, ad esempio, con ritardi anche solo del pagamento di due rate consecutive, per un periodo complessivo di almeno due mesi e per un importo cadauno di anche inferiore ai cento euro, la finanziaria provvede ad iscrivere il cliente in un apposito registro alla Centrale rischi, quello dei “cattivi pagatori”.

Oltre all’umiliazione di essere considerato un cattivo pagatore, nel concreto, tale iscrizione preclude gran parte delle possibilità di accesso al credito e in mancanza di alcune condizioni, sarà impossibile ottenere un nuovo finanziamento, fintanto che l’iscrizione resta.

Tuttavia, bisogna non disperare, persino in situazioni del genere, perché alcuni dei prestiti più diffusi e noti tra la clientela vengono erogati anche a cattivi pagatori e protestati, grazie alla solidità delle garanzie che essi presentano, in favore del credito.
Parliamo di cessione del quinto, prestito delega e prestito cambializzato.

La cessione del quinto è un prestito accordato solo a lavoratori dipendenti, pubblici e privati, e a pensionati. Essa consiste nell’ottenere un finanziamento, che sarà rimborsato, attraverso trattenute dirette in busta paga delle rate mensili e successivi versamenti alla finanziaria, da parte del datore di lavoro, fino alla somma di un quinto dello stipendio netto o pensione netta (per i pensionati, provvede la cassa previdenziale).

La garanzia per il credito della finanziaria consiste non solo nella busta paga o pensione, quanto anche nel fatto che la tutela si estende al TFR maturato dal lavoratore, nel caso cessi il rapporto di lavoro.

Il prestito delega ha le medesime caratteristiche della cessione del quinto, ma ne diventa un finanziamento accessorio e non vi è obbligo qui per il datore di lavoro di effettuare le trattenute e i versamenti mensili.

I prestiti cambializzati possono essere un’altra soluzione ideale per il cattivo pagatore, perché non viene neppure indagata la storia creditizia del cliente, non avendo importanza i problemi da questi avuti in precedenza.

Di fatto, in quest’ultimo caso, la garanzia per la finanziaria è data dalla cessione di cambiali da parte del cliente, che le hanno titolo per escuterne i beni, in caso di mancato pagamento.