Il mutuo è un contratto con cui una parte, denominata “mutuante”, presta denaro o altro bene fungibile al “mutuatario”, il quale si impegna a restituire il prestito nella stessa qualità.

Quella di cui sopra è grosso modo la definizione del codice civile, all’art.1 813. In sostanza, tale definizione ci dice che un mutuo è un contratto basato su un prestito essenzialmente di denaro.

Le parti possono concordare alcuni punti essenziali del contratto di mutuo, come la durata del rimborso, ovviamente l’importo, le garanzie da prestare a tutela del credito concesso ed eventuali altre clausole.
In Italia, si tratta di una delle forme più diffuse di finanziamento, anche perché i mutui sono molto legati al credito concesso da banche e finanziarie per l’acquisto di una casa.

A differenza di un normale contratti di prestito, il mutuo esige somme minime richieste di più alto importo (generalmente, sui 40 mila euro), così come le garanzie da esibire sono maggiori (oltre alla busta paga, spesso garanzia reale, doppia firma, etc) e anche i costi per il contratto di mutuo sono più alti (vi sono spese di perizia su immobile, notarili, etc.).

Mutui