Prestiti Personali

Prestiti Personali
I prestiti personali sono finanziamenti non finalizzati all’acquisto di beni e servizi, per cui chi li richiede non è tenuto a spiegare l’impiego della somma desiderata. Considerati un po’ rischiosi dai creditori, prevedono il rilascio di alcune garanzie.

I prestiti personali sono finanziamenti non finalizzati all’acquisto di beni e servizi, per cui, in fase di richiesta, non bisogna motivare l’uso che si ha intenzione di fare del denaro desiderato.

Generalmente, quando si pensa a un prestito personale, salta in mente il prestito bancario tipico, in quanto storicamente sono state proprio le banche ad avere in pugno l’offerta di questi prodotti finanziari.

Oggi, in realtà, la situazione è ben diversa, perché l’offerta proviene in gran quantità anche dalle società finanziarie, che hanno anche il pregio di avere vivacizzato e diversificato il mercato, rispondendo più esattamente alle esigenze del cliente.

Il prestito personale, in quanto non motivato, può risultare al creditore un po’ rischioso. In effetti, in mancanza di garanzie, in teoria non avrebbe strumenti per verificare lo stato di reddito e patrimoniale del debitore, né i mezzi per recuperare un credito eventualmente in sofferenza.

E’ per questo che, in fase di richiesta, le banche e le finanziarie creditrice pretendono alcune garanzie minime, che sono preliminari alla stessa fase istruttoria. In genere, esse consistono nell’esibizione dell’ultima busta paga per il lavoratore dipendente (modello unico per i lavoratori autonomi, cedolino pensione per i pensionati), in modo da avere garanzia che il debitore abbia un reddito da cui attingere per il rimborso delle rate.

Inoltre, al crescere della cifra, o nell’eventualità che la situazione reddituale del cliente venisse considerata insufficiente, può essere richiesta anche una garanzia ipotecaria sui beni immobili di proprietà del potenziale debitore (garanzia reale) e/o la doppia firma, con cui un altro soggetto (fideiussore) si impegna a rispondere in solido del debito altrui contratto.

Complessivamente, comunque, le cifre erogate tramite i prestiti personali non sono molto alte, per quanto dipenda dal caso specifico. Proprio, perché considerato un credito a rischio, le somme finanziabili al massimo si aggirano sui 30-40.000 euro e, ovviamente, prevedono l’applicazione di un tasso fisso, a remunerazione del creditore.